Bat, linea dura delle forze dell’ordine: 100 denunciati: in spiaggia, a spasso o ai giardini

 

Tre persone in spiaggia, una che passeggiava sulla rampa di accesso al mare, due ragazzi in piazza e un 70enne che si è rifiutato di declinare le proprie generalità agli agenti durante un controllo: solo questi casi si sono registrati a Bisceglie, nel nord barese, con la denuncia dei 7 persone da parte della Poliiza locale, ma fanno parte di un pacchetto di 101 persone denudate in 24 ore dalla Forze dell’odine nella Bat per violazione al decreto che impone a tutti di stare a casa e limita gli spostamenti ai casi di estrema necessità.

A Lucera (Foggia), invece, nonostante le prescrizioni imposte dal Governo sull’emergenza da Covid-19, c’è stata una rissa la notte scorsa ed i carabinieri hanno arrestato un pregiudicato 29enne (per aver violato gli obblighi impostigli dalla sorveglianza speciale) e denunciato oltre al giovane quattro persone di età compresa tra i 20 e i 32 anni, per i reati di rissa e inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità.

Nel complesso, secondo i dati forniti dalla Prefettura Bat, sono circa mille le persone controllate (il 10% denunciate) e 362 gli esercizi commerciali, 7 dei quali non erano  regola e i gestori sono stati denunciati e altri 4 sanzionati amministrativamente.

A tal riguardo, proprio nei giorni scorsi, il Prefetto Maurizio Valiante aveva riunito i vertici provinciali delle Forze di Polizia di Bari e Foggia per pianificare, in conformità con le indicazioni ministeriali, le strategie operative e di controllo da porre in essere per garantire l’attuazione delle misure di contenimento della diffusione del virus dettate dal Governo.

“Ringrazio tutte le Forze dell’Ordine, unitamente alle Polizie Locali, per lo straordinario impegno che stanno profondendo in queste ore nelle attività di controllo e di contrasto dei comportamenti difformi dalle misure prescrittive imposte – ha dichiarato il Prefetto Valiante -. L’attività di controllo delle Forze dell’Ordine, che si svilupperà in modo sempre più capillare sull’intero territorio provinciale, continuerà in maniera incessante e con fermezza, in modo da evitare gli spostamenti ingiustificati delle persone, che potranno essere consentiti solo ed esclusivamente per comprovate esigenze di lavoro, di salute, e di stretta necessità”.

Source link