Coronavirus: familiari 88enne deceduta denunciano ospedale Copertino

 

Il figlio di una donna di 88 anni di Copertino, morta la notte tra il 9 e il 10 marzo scorso al Vito Fazzi di Lecce e risultata positiva al Coronavirus, ha denunciato i medici dell’ospedale salentino accusandoli di aver fatto ammalare la propria madre mettendola in stanza con una paziente risultata affetta da Covid-19. Quest’ultima, una 74enne di Veglie (Lecce), è deceduta ieri.
Secondo la ricostruzione dell’accaduto fornita nella denuncia sporta ai carabinieri, l’88enne era stata ricoverata nell’ospedale di Copertino per una occlusione intestinale. La donna sarebbe stata messa in stanza con una donna che aveva sintomi riconducibili al Coronavirus. Nonostante le preoccupazioni espresse dai parenti della 88enne – sostiene il figlio – i medici avrebbero fornito rassicurazioni sul fatto che la 74enne non fosse infetta, salvo poi trasferirla d’urgenza al Vito Fazzi perché positiva al Covid-19. Sempre secondo la ricostruzione fornita nella denuncia, nell’arco di 24 ore dal ricovero all’88enne, poi risultata positiva al Coronavirus, sarebbe venuta la febbre.

La denuncia, che è stata inoltrata alla Procura di Lecce, è stata presentata tramite il legale del figlio della 88enne, che al momento è in quarantena. Il cadavere della donna è ancora nella camera mortuaria a Lecce in attesa dei funerali che per ora sono stati sospesi.

Source link